giovedì , 21 Ottobre 2021

Al Parlamento Europeo i lavori sulla costa di Su Pallosu

Diverse sono le criticità del mega progetto di “Mitigazione dell’erosione costiera” in corso di realizzazione a Su Pallosu e S’Anea Scoada (San Vero Milis), approvato a scatola chiusa, senza possibilità di correttivi, non effettuando la procedura amministrativa di Valutazione d’impatto Ambientale, come evidenziato anche dall’ultima interrogazione alla Commissione Europea-organo esecutivo dell’Unione Europea- dal parlamentare europeo (eletto nel collegio isole) Ignazio Corrao (Gruppo dei Verdi-eletto con il M5S), che vedete nella foto in alto.

Dal sito internet Ufficiale del Parlamento Europeo (pubblicata oggi 4 gennaio 2021)

Testo Italiano https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-9-2020-006845_IT.html

Testo Inglese https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-9-2020-006845_EN.html

Dal sito del Parlamento Europeo (lingua inglese)

Non solo inutile, ma dannoso dunque come peraltro si evince dalle precedenti interrogazioni presentate in Consiglio Regionale e alla Camera dei Deputati.

Concepito per mitigare l’erosione l’inizio dei lavori, documentati in diretta facebook, ha già causato evidenti danneggiamenti a dune e rocce e rischia di provocare effetto contrario a quello dichiarato.

A Su Pallosu in almeno la metà dei 300 metri lineari degli interventi, la spiaggia, ove si punta ad inserire quali strumenti di mitigazione una doppia palificata in legno e dei geocontenitori riempiti di inerti, è ristrettissima o del tutto inesistente.

Ciò comporta che gli interventi di contentimento andranno ad essere insediati necessariamente anche all’interno delle dune stesse, perforandole e dunque non solo alla base delle dune, come ottimisticamente indicato.

Dune per lo più prive di antistante spiaggia, che costituiscono un delicatissimo e friabilissimo ecosistema, in gran parte argilloso (circostanza mai menzionata nel progetto, ma ampiamente conosciuta in letteratura) che non consente alcun ancoraggio sulla roccia dell’intervento di doppia palificata (ipotizzato dallo stesso progetto).

La stessa relazione illustrativa del progetto (pag.22 ) evidenzia per Su Pallosu che si tratta di interventi a breve termine, a scadenza e indica esplicitamente in appena due/ tre anni la durata della doppia palificata e dei geocontenitori.”Tendenzialmente la vita utile è ipotizzabile in un arco temporale di 2-3 anni”. Citazione.

Estratto dalla Relazione Illustrativa al progetto

Tempo dopo il quale gli stessi, secono le carte ufficiali, saranno nuovamente spazzati dall’erosione.Inutilità annunciata quindi.

Quanto ai danneggiamenti, le immagini della prima giornata di interventi parlano da soli.

Rocce e dune li hanno già subiti in maniera documentata.

Il previsto e prossimo utilizzo per altri 6 mesi di mezzi meccanici quali escavature, ruspe, camion e similari per trasporto, attività di scavo, spianamento e “profilatura” delle duna di 7 metri di Su Pallosu/Punta Tonnara, sono oggettivamente paragonabili all’ingresso di un elefante in un negozio di cristalleria.

Ulteriori dettagli ai link

Le Alternative

Unici interventi sicuramente utili necessari, di contenimento dell’erosione sarebbero (sono ?) stati quelli di realizzazione di discese a mare in legno (passerelle) quali percorsi obbligati per la discesa a mare dei bagnanti.Con complementare interdezione per le aree attigue.Interventi più volte richiesti negli anni passati, di facile realizzazione, di non elevati costi, a differenza del corposo finanziamento pubblico di cui gode il progetto (realizzati in tutti gli altri litorali della Marina di San Vero) e qui mai volute.

Diretta Facebook

La pagina facebook, Su Pallosu Luogo Storico, oltre duemila iscritti, continuerà a seguire giorno per giorno, minuto per minuto per l’intera durata (prevista per 7 mesi complessivi) i lavori (ora in pausa festiva) in oggetto, uno dei più grandi interventi pubblici mai realizzati nell’isola.

Check Also

Storia del Sinis: l’abbattimento delle capanne di San Giovanni (Cabras)

Tra la fine degli anni 70 e l’inizio degii anni 80, fu il tema del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 − 3 =