domenica , 25 Settembre 2022

L’elisoccorso non è coperchio per coprire disastri Sanità ( Oristano in testa)

L’Ospedale San Martino di Oristano

L’elisoccorso non può essere il coperchio buono per tutte le pentole della giunta Pigliaru, tanto meno quella della sanità, i cui problemi irrisolti ora pesano sui sardi. In questi anni Giunta non ha garantito i diritti primari ma ha continuato a tutelare i privilegi di pochi, come la scandalosa questione dei vitalizi degli ex consiglieri regionali (che costa ai sardi 18 milioni di euro l’anno) dimostra.

Qual è lo stato della sanità in Sardegna? Basta chiederlo ai sardi, o semplicemente ascoltare quello che dicono gli stessi esponenti del centrosinistra che governa la Regione. Dopo il segretario del Pd Cani, ieri è stato il presidente della Commissione sanità Raimondo Perra a dire sulla stampa che “sull’Ats e sugli ospedali sono stati fatti molti errori”. Da parte della giunta Pigliaru, chiaramente. Errori che però si continuano a commettere per mero calcolo elettoralistico e che oggi pagano tutti i sardi.

Che la situazione sia drammatica è sotto gli occhi di tutti e non passa giorno che i giornali non ne diano conto. “Bosa, nove mesi di attesa per una colonscopia”, “Oristano, pochi infermieri e degenti abbandonati”, “A Iglesias senza reagenti il laboratorio analisi è fermo”, “Addio a 26 medici di base ad Oristano”, “Emodinamica a Carbonia rischia la chiusura”, “Emodinamica a Lanusei, dalla Regione solo promesse”, “A Isili c’è un ospedale in coma”. Questi sono solo alcuni dei titoli degli ultimi giorni, segno di una situazione fuori controllo e a fronte della quale il presidente Pigliaru e l’assessore Arru oggi sbandierano i risultati dei primi due mesi del servizio di elisoccorso. Bisognerebbe avere più pudore e non strumentalizzare l’attività dei professionisti impegnati ogni giorno con sacrificio e dedizione.

Sulla sanità come su tutti gli altri temi serve un cambio di passo deciso ed è quello che faremo, garantendo i diritti ed eliminando i vitalizi una volta alla guida della Regione.

Mario Puddu

Check Also

SI ALLE COLONIE FELINE IN SARDEGNA ANCHE IN SPAZI PRIVATI E AREE SIC

Al di là del suo esito, il procedimento penale contro me e Irina Albu che comincia al Tribunale di Oristano mercoledì, riguardante l'area d'ingresso alla colonia felina di fatto mai riconosciuta dalla PA, Oasi Felina Privata offre uno spunto interessante alla riflessione sarda sull' applicazione delle norme sulle colonie feline. Applicazione e interpretazione delle norme nazionali sul randagismo nell'isola sono oggi fortemente limitative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

19 − sette =