domenica , 25 Settembre 2022

NON PARLATEMI DI “TURISMO”…


Esattamente un anno fa inviavo in PEC (posta elettronica certificata) a Comune di San Vero Milis e Provincia di Oristano la segnalazione per la presenza del punteruolo rosso.
Dopo 365 giorni l’infezione si è estesa dalle palme maschio alle femmine fin ora non attaccate, nessun ente pubblico è intervenuto.Mi risulta un solo sopralluogo di dipendenti della provincia e nessuna azione.
Ormai tutte le palme a bordo strada da Putzu Idu sino a Su Pallosu, centinaia, sono colpite, il rischio paventato da tanti esperti e che ora il punteruolo passi ad attaccare dopo le palme africane pure la palma nana sarda (Chamaerops humilis) fin ora rimasta immune.

Per evitarlo è urgente la rimozione e bruciatura di tutte le palme attaccate.

Eccolo, il punteruolo rosso è arrivato anche sulla spiaggia di Su Pallosu

Altro che Unione dei Comune del Sinis Terra dei Giganti, GAL del Sinis, promozione turistica, patrocini a passeggiate ecologiche,sagre ecc…Amministrazione comunale di San Vero e Amministrazione Provinciale di Oristano se ci siete battete un colpo, anzi abbattete le palme infette…Grazie.

Check Also

SI ALLE COLONIE FELINE IN SARDEGNA ANCHE IN SPAZI PRIVATI E AREE SIC

Al di là del suo esito, il procedimento penale contro me e Irina Albu che comincia al Tribunale di Oristano mercoledì, riguardante l'area d'ingresso alla colonia felina di fatto mai riconosciuta dalla PA, Oasi Felina Privata offre uno spunto interessante alla riflessione sarda sull' applicazione delle norme sulle colonie feline. Applicazione e interpretazione delle norme nazionali sul randagismo nell'isola sono oggi fortemente limitative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

14 − dodici =